Menu

Vodafone con Netflix in risposta a TIM Vision e all'alleanza Fastweb / Sky. Nuova competizione in vista!

Prende sempre più corpo il nuovo fronte di concorrenza con le aziende di telecomunicazioni alleate ai produttori o distributori di contenuti. Vantaggi per i consumatori, ma bisogna fare attenzione....

E' appena stata ufficializzata la partnership tra Netflix e Vodafone che insieme puntano a diffondere nelle nostre case l'uso della Televisione via Internet. Uno scenario che, sia pure declinato in altri modi, ci era già stato proposto da Telecom Italia con la sua offerta TIM Vision (la TV on demand che offre un ampio catalogo di titoli da godersi all'ora che si vuole e con qualsiasi tipo di Device) e dalla coppia Fastweb-SKY, la prima vocata alla fornitura di connessioni Internet ad alta velocità usando cavi in fibra ottica, la seconda a metterci i contenuti provenienti dai propri canali TV a pagamento.

A queste, dal prossimo Ottobre si aggiungerà la coppia Netflix-Vodafone che segna così l'entrata della principale rete televisiva OnLine del mondo che conta già oltre 65 milioni di iscritti distribuiti in 50 Paesi. Un fenomeno che dopo aver fatto scomparire il mercato del noleggio di videocassette e DVD punta ora a sconvolgere anche i più radicati equilibri del modo televisivo. Ogni giorno, infatti, Netflix è in grado di erogare più di 100 milioni di ore di film e show televisivi di vario genere, con anche serie tv originali, documentari, e lungometraggi.

 Le immagini di Netflix scorreranno di preferenza - ma non solo - sulle linee 4G e in fibra ottica di Vodafone in virtù dell'accordo commerciale stipulato dalle due aziende che prevede una consistente serie di offerte promozionali esclusive che renderanno molto conveniente l'acquisto abbinato dei servizi di connessione e dei contenuti multimediali. I clienti Vodafone avranno inoltre la possibilità di pagare l’abbonamento a Netflix attraverso il proprio contratto Vodafone.

Un accordo che estende anche all'Italia quelli già stipulati in altri Paesi d'Europa quali Germania, Spagna, Irlanda, Inghilterra, Belgio e Olanda.

Altissima definizione, bassi costi

Oltre ad un ampio catalogo di contenuti, Netflix offrirà la possibilità di vedere le serie TV e in film in alta definizione o altissima definizione (Ultra HD 4k) utilizzando ogni genere di dispositivo connesso ad Internet e senza alcuna interruzione pubblicitaria.

Un servizio reso possibile dalla rete 4G di Vodafone che copre quasi il 90% della popolazione italiana, mentre in alcune città arriva ad assicurare connessioni in fibra ottica che viaggiano a 300 Mbps!

Al di là della qualità delle immagini e della gamma di contenuti, Netflix ha conquistato il mercato proponendo degli abbonamenti a costi estremamente bassi, spesso sbaragliando in brevissimo tempo l'offerta degli operatori tradizionali. E nel nostro Paese, sempre più orientato all'accoglienza di popolazioni straniere, risulterà molto apprezzata la possibilità offerta da Netflix di guardare i programmi in lingua originale, sottotitolati o doppiati.netflix in italia

Competizione accesa, che fa bene al mercato, ma... attenzione: l'appetito vien mangiando!

L’avvio di questa nuova alleanza nel nostro territorio non può che far bene al mercato, con la competizione costretta a confrontarsi costantemente in termini di contenuti, qualità dei servizi e prezzi. Ciascun operatore tenterà pertanto di offrire condizioni uniche e distintive ai clienti, con due effetti: il primo di arrivare a confondere le idee dei potenziali acquirenti rendendo difficilmente confrontabili le proposte, il secondo di attivare pratiche che rendono molto difficile - e oneroso - il passaggio da un fornitore all'altro. Esattamente come accade oggi quando si cerca di cambiare fornitore di servizi di telefonia.

Ad esempio, l’attivazione della linea Fastweb è gratuita. Ma solo se si rimane "attaccati" per almeno 24 mesi. In caso contrario, bisognerà pagare un contributo per il recesso anticipato pari a 119 €.

Anche per quanto riguarda la velocità di connessione internet potrebbero saltar fuori delle sorprese. Ad esempio, sempre per Fastweb, la prima discriminante è se il proprio edificio è stato raggiunto o meno dalla Fibra. Nel primo caso si può arrivare a 20 Mbit/s in Download e 10 Mbit/s in Upload. Ma se si vuole di più, per arrivare a 100 Mbit/s in download e 10Mbit/s in upload si deve attivare l'opzione Ultra Fibra che ha un costo aggiuntivo di 5€/mese.

In caso contrario, ovvero se la connessione in fibra non è ancora arrivata, i prezzi non cambiano, ma si scende fino a 1Mbit/s in Upload.

Scegliere diverrà pertanto più complesso, ma sapendo farlo se ne potranno trarre vantaggi.

C'è tuttavia un altro pericolo all'orizzonte. L'arricchirsi dell'offerta di contenuti e di opportunità rischia di ingolosire gli utenti che attratti da un'offerta di contenuti potranno rendersi conto solo in un secondo momento di doverla estendere per fruire di altri contenuti non compresi in quella originale. E' questo, ad esempio, il caso dei canali tematici inclusi nell'offerta di Sky: il pacchetto Sky Tv comprende tutti i principali canali Sky, più di 200 canali satellitari in chiaro, i canali FOX, i reality come Masterchef e Xfactor, canali di sport quali SkySport o EuroSport. Ci sono poi i pacchetti Sky go, per vedere 31 canali del pacchetto Sky TV in streamming internet sul proprio PC o tablet e Sky On Demand che offre una videoteca gratuita da poter utilizzare quando si vuole e senza sovrapprezzo.

Dopo di che se ne possono aggiungere altri, a pagamento, quali i pacchetti di Cinema, Sport e Calcio. Così, mano a mano che si acquisisce familiarità e video-dipendenza, i costi possono lievitare e con essi i tempi trascorsi davanti agli schermi di grandi, medie e piccole dimensioni!

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto