Menu

Il nuovo Quadrante Magico di Gartner per BI e Analytics

Il nuovo Quadrante Magico di Gartner per BI e Analytics

Aggiornato allo scorso Aprile, il quadro complessivo stilato dagli analisti di Gartner per le piattaforme di Business Intelligence e Analytics vede svettare Tableu, con Infor agli ultimi posti e in mezzo altri 24 produttori sempre più agguerriti.

Pubblicato in prima versione a Febbraio e rivisto ad Aprile 2014, il Report di Gartner "Magic Quadrant for Business Intelligence and Analytics Platforms" presenta quasi una trentina di fornitori qualificatisi per offerta, volumi di vendite e presenza su scala internazionale, costituendo uno dei settori con la maggior presenza di Vendor in un mercato sempre più caratterizzato di continui consolidamenti, fusioni, acquisizioni, nel quale i concorrenti per ciascuna area non superano quasi mai la decina.

Questo è anche dovuto alla constatazione che la turbolenza e l'innovazione nel settore non accennano a diminuire, con tre elementi che ne stanno caratterizzando le recenti evoluzioni:

  1. Le analisi passano dall'esame di dati essenzialmente interni alle aziende provenienti da un numero relativamente limitato di fonti, a nuove fonti di provenienza eterogenea, con l'elaborazione di enormi quantità di dati non unicamente strutturati per un uso non esclusivamente limitato alle fasi di pianificazione, ma anche in ausilio all'attività operativa quotidiana. L'essenza dei Big Data.
  2. Proprio per via dell'elevoluzione indicata al punto 1, la popolazione dei fruitori di servizi di BI e Analytics si allarga notevolmente, dovendo supportare utenti in mobilità, che accedono ai dati tramite Tablet e SmartPhone, spesso privi di competenze specifiche sull'uso degli strumenti, ma chiamati a prendere decisioni di Business consapevoli e immediate.
  3. Dovendo supportare l'assunzione di decisioni operative, diventa necessario effettuare l'integrazione tra gli strumenti di analisi e la gestione dei processi aziendali, aprendo un nuovo fronte di confluenza tecnologica tra aree nel passato nate ed evolutesi in modo assolutamente parallelo e prive di ogni genere di intersezione.

Come se non bastasse, a questi fattori se ne aggiungono alcuni di carattere architetturale dal momento che la necessità di supportare gli utenti ovunque siano ed in ogni momento della giornata, associata all'esigenza di elaborare grandi quantità di dati spingono verso l'adozione di architetture di Cloud Computing - per l'elaborazione, lo storaging, l'integrazione - creando nuovi scenari operativi tanto per i Vendor quanto per gli utenti.

In sostanza, tutto questo apre consistenti opportunità per i nuovi operatori che costantemente si affacciano nell'area, mentre mantiene alto il rimescolamento delle imprese e delle relative posizioni competitive. Al punto che lo stesso Gartner ha rivisto anche i propri criteri di valutazione per l'analisi degli operatori e della loro offerta.

Diamo quindi una rapida occhiata ai risultati del Report, tenendo tuttavia presente che il prossimo potrà presentare forti variazioni rispetto all'attuale, per cui nelle proprie valutazioni occorre assumere sempre un'ottica di medio periodo dando rilievo ai parametri di maggior rilievo in ottica di stabilità competitiva nel tempo.

Non per nulla, Gartner indica che nel 2015 tra i fattori di maggior rilievo nell'acquisizione di soluzioni saranno il supporto di accessi ai sistemi/servizi con Device di ogni genere, la capacità di individuazione di correlazioni effetto/causa, di scalabilità, di Governance dei dati e di protezione della loro sicurezza. Ci sarà inoltre un progressivo abbandono della centralità delle funzioni di Reporting, a vantaggio di quelle di analis dinamica dei daticon funzioni di Smart Data Discovery, supportando interrogazioni esprimibili in linguaggio naturale, in modo interattivo ed iterativo, con l'automazione di operazioni di analisi predittiva.

Criteri di Valutazione delle piattaforme di Business Intelligence e Analytics

Per le sue valutazioni, Gartner ha preso in considerazioni 17 capacità specifice, ripartite nell tre macrocategorie: Information Delivery, Analysis e Integration. In particolare, considerando le attuali evoluzioni della tecnologia e che Gartner ha sviluppato un'altro Magic Quadrant espressamente dedicato all piattaforme di per valutare gli strumenti di Advanced Analytics, dalle attuali valutazioni sono stati esclusi i seguenti fattori:

  • Supporto delle funzioni di Scorecard, dal momento che la maggior parte delle imprese non usano le piattaforme di BI per svolgere questo genere di analisi, optando per le soluzioni specializzate di Corporate Performance Management (CPM).
  • Le funzioni di Predictive e Prescriptive Analytics, entrate a far parte del nuovo "Magic Quadrant for Advanced Analytics Platforms".

In compenso, sono state inserite le valutazioni in relazione ai seguenti parametri: Geospatial & Location Intelligence, Embedded Advanced Analytics, Business User Data Mashup & Modeling, Embeddable Analytics, nonché il supporto dei Big Data e delle nuove fonti ad essi correlati.

In dettaglio, le 17 Categorie comprendono:

  • Information Delivery: Reporting, Dashboards, Ad hoc report/query, Microsoft Office integration, Mobile BI.
  • Analysis: Interactive Visualization, Search-based Data Discovery, Geospatial & Location Intelligence, Embedded Advanced Analytics, Online Analytical Processing (OLAP).
  • Integration: BI Infrastructure & Administration, Metadata Management, Business User Data Mashup & Modeling, Development Tool, Embeddable Analytics, Collaboration.

Sulla base di questi parametri, complessivamente c'è stato uno spostamento verso sinistra - quindi in peggioramento - di tutti i Vendor nel quadrante dei Leader per quanto riguarda la Completezza delle Vision provocato dal fatto che nessuno di essi sta affrontando in modo approfondito l'area del "Governed Data Discovery", ovvero assicurando nel contempo facilità d'uso da parte degli utenti ed il supporto dei tipici requisiti di tipo Enterprise. Un'area sulla quale si stano indirizzando i nuovi investimenti di un gran numero di produttori, segnando una netta ripartizione tra chi è partito e sta eccellendo nelle funzionalità per gli utenti e chi invece deriva dalle funzioni più classiche dell'IT, impostate più sul controllo che sulla facilità d'uso. Due percorsi inevitabilmente destinati a convergere sempre di più già nel prossimo futuro.

Un secondo capitolo di forte differenziazione è rappresentato dalle funzionalità di Self-service Data Integration, sfruttando innovativi elementi quali l'Automatic Semantic Identification e la Data Model Inference & Discovery, l'automazione e l'incapsulamento delle capacità di Advanced Analyticse e le tecnologie di interrogazione usando linguaggi naturali. Il fattore comune di tutti questi elementi è l'allargamento della base dell'utenza di tali servizi alle linee operative anche per l'assunzione di decisioni quotidiane, andando ben oltre le tradizionali fasi di pianificazione e consuntivazione.

Ci sono poi numerosi altri elementi di distinzione tra i vari produttori, tipo il supporto degli ambienti Cloud, che stando alle rilevazioni di Gartner sta attirando le attenzione del 45% dei potenziali acquirenti di questo genere di piattaforme, o dei Tablet come interfaccia d'uso, giusto per citarne un paio. Elementi sui quali rimandiamo alla lettura del Report originale pubblicato da Gartner, dove si trovano anche le schede dettagliate dei singoli Vendor, con i relativi punti di forza e debolezza. Il Report è acquistabile direttamente dal sito www.gartner.com, mentre qui sotto proponiamo il quadro di valutazione nel suo insieme:

Il Quadrante Magico 2014 di Gartner per BI e Analytics

Il Magic Quadrant for Business Intelligence and Analytics Platforms - Fonte: Gartner 2014. 

Ultima modifica ilDomenica, 01 Giugno 2014 10:18

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto